Fortino di Sant'Antonio ad associazioni e fondazioni. Priorità a chi ha donato per il restauro

venerdì 13 maggio 2016
Via libera dalla giunta comunale alle linee guida per la concessione del fortino di Sant'Antonio, già inserito tra i beni comunali da restaurare con le donazioni. 

Potranno usufruire del fortino, a titolo gratuito o a fronte di rimborso spese, 
organi comunali per lo svolgimento di attività istituzionali,  associazioni, comitati, fondazioni o altri organismi che perseguono finalità non lucrative e compatibili con quelle istituzionali del Comune di Bari,  istituti e scuole di ogni ordine e grado, istituzioni educative pubbliche, istituzioni universitarie pubbliche.

In tutti gli altri casi, comunque per iniziative e attività di interesse collettivo, fatta eccezione per la celebrazione dei matrimoni, già regolamentata con altro provvedimento, il concessionario dovrà versare per l’uso della sala il corrispettivo delle spese per utenze e pulizia, che sarà determinato annualmente con apposita.

Alla concessione si procederà in ordine cronologico di presentazione delle richieste, ma avranno priorità coloro che avranno effettuato donazioni in favore del restauro del fortino Sant’Antonio.

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
22/03/2018
 “Un racconto del sistema dello spettacolo dal ...
Cultura
07/12/2017
"Cultura è lavoro e i beni culturali presidi ...
Cultura
30/03/2017
L’artista sarà la protagonista della due ...
Cultura
21/03/2017
La nuova formula della musica classica nei teatri di Lecce, ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...