Tasse universitarie, l'Università di Bari decide di prorogare la scadenza

martedì 20 settembre 2016
Il consiglio di amministrazione ha deciso di prorogare le scadenze della seconda e terza rata di tasse e contributi dell'anno accademico 2015/2016.

“Il consiglio di amministrazione dell'Università di Bari - nella odierna seduta - nella consapevolezza delle difficoltà in cui versano le famiglie dei propri studenti, nell'attuale fase sfavorevole di congiuntura economica, ha stabilito di prorogare le scadenze della seconda e terza rata di tasse e contributi dell'anno accademico 2015/2016”. È  quanto si legge in una nota diffusa dall'Ateneo barese in seguito alle proteste degli studenti.

Oltre alle tasse dilazionate e agli esoneri totali o parziali dei pagamenti per le famiglie degli studenti in difficoltà economiche, il cda ha previsto uno stanziamento di 200mila euro per borse di studio. “Dal 30 settembre 2016 al 20 ottobre 2016 per il pagamento della II rata – si legge - dal 31 ottobre 2016 al 21 novembre 2016 per il pagamento del 50 per cento della III rata, dal 31 ottobre 2016 al 28 febbraio 2017 per il pagamento del saldo 50 per cento della III rata”.

Inoltre, è stato deciso di “prorogare la scadenza del termine ultimo per l'immatricolazione e iscrizione per l'anno accademico 2016/2017 ai corsi di laurea e il pagamento della I rata, dal 15 al 20 dicembre 2016. Il Consiglio, nel considerare che la mancata presentazione dell’Isee universitario determina l’automatica collocazione nella fascia massima di contribuzione, invita gli studenti (oltre 11mila) a presentare entro il termine del 20 ottobre 2016 tale dichiarazione e dispone l’accettazione delle istanze di ricalcolo dei contributi universitari fino al 20 ottobre 2016, sulla base del valore Isee che gli studenti potranno pertanto ancora richiedere, annullando gli interessi di mora dovuti.Anche gli studenti che hanno presentato l'Isee ordinario in luogo dell'Isee universitario potranno godere della contribuzione ridotta”, continua la nota.  “Il Consiglio stabilisce – prosegue - che gli studenti che versano in comprovate situazioni di disagio potranno rappresentare tale condizioni chiedendo la sospensione o la dilazione degli importi dovuti.

Il Consiglio, accogliendo, la richieste delle rappresentanze sindacali, destina la somma di 200mila euro in sussidi, borse di studio e provvidenze per gli studenti che versano in condizioni di difficoltà economiche e affida alla Commissione tasse il monitoraggio dei flussi finanziari anche al fine di modificare il regolamento tasse destinando l’extragettito a servizi agli studenti”.

Il cda ha stabilito inoltre che "gli studenti che versano in comprovate situazioni di disagio potranno rappresentare tale condizioni chiedendo la sospensione o la dilazione degli importi dovuti". Sono stati confermati gli esoneri dai pagamenti, totali a parziali, per studenti con disabilità, stranieri, rifugiati o richiedenti asilo, studentesse in maternità, con uno o più fratelli iscritti allo stesso ateneo e studenti lavoratori. La tassa di equipollenza, infine, è stata ridotta da 412,99 a 120 euro.

Altri articoli di "Università"
Università
22/09/2016
La richiesta riguarda la tassa minima di iscrizione fissata dal ministero e pari a 201,58 ...
Università
21/09/2016
Sono oltre 100mila gli studenti universitari che ...
Università
20/09/2016
Ad organizzare la protesta gli studenti di Link Bari che ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...