Emergenza neve, Cia: "Subito sgravi fiscali e fondi straordinari per gli agricoltori"

lunedì 16 gennaio 2017

La straordinaria ondata di maltempo ha arrecato danni gravi alle aziende agricole. Cia ha inviato una lista di proposte a Governo e Regione per far fronte all'emergenza.

"L'eccezionalità dell'ondata di maltempo che ha investito la nostra regione dal 5 all'11 gennaio richiede risorse aggiuntive ad erogazione immediata, agevolazioni fiscali e sgravi contributivi che permettano alle aziende agricole pesantemente danneggiate di riprendere l'attività". Così il presidente Cia Puglia Raffaele Carrabba ha sintetizzato i contenuti del documento già inoltrato a Governo e Regione, che racchiude una serie di proposte concrete per aiutare le imprese a rialzarsi dopo le abbandonanti nevicate. 

"Diamo atto alla Regione Puglia di aver immediatamente dichiarato lo stato di emergenza e di aver richiesto il decreto nazionale di declaratoria dello stato di calamità naturale, ma l'evento calamitoso straordinario in termini di quantità di neve caduta, periodo temporale e territorio interessato necessita di ulteriori interventi per risanare le gravi perdite subite. Mutuando il modello adottato per le zone colpite dal terremoto - continua Carrabba - andrebbe snellita la burocrazia per garantire tempi davvero rapidi di ripristino, altrimenti appesantiti da procedure lente, farraginose e talvolta inefficaci e tardive".

Tra le istanze, Cia Puglia ha suggerito, per lo stanziamento di fondi straordinari, una deroga all'art. 5 comma 4 del D. Lgs 102/2004 relativo agli eventi assicurabili, considerato che l’evento è accaduto nei primissimi giorni dell’anno e per le aziende è stato impossibile assicurarsi.

In maniera più particolareggiata, Cia Puglia chiede l'esonero per il 2017 e 2018 dei contributi previdenziali ed assistenziali; l'azzeramento dell'accisa per il carburante per l'anno in corso e l'abbattimento delle rate di mutui e prestiti in scadenza nel 2017; l'esenzione dell'Iva sugli acquisti e la conseguente compensazione dell'iva a debito riveniente dalle vendite per il 2017 e il 2018; l'esonero dal pagamento di imposte dirette gravanti su imprese agricole/agrituristiche per il prossimo biennio; l'estensione dell'esenzione IMU per gli anni 2017 e 2018

"È necessario chiedere all'Unione Europea ulteriori risorse straordinarie – ha aggiunto infine il direttore regionale Cia Puglia Danilo Lolatte - Per il futuro, la proposta è di costituire un fondo assicurativo per tutelare le aziende agricole dagli eventi naturali e dalle crisi di mercato, in parte coperto dalla fiscalità generale ed in parte dai fondi del PSR. 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
17/08/2017
L'impiego dei sistemi di video ripresa ha portato i suoi ...
Ambiente
24/05/2017
Sono in provincia di Lecce le acque di balneazione più pulite della Puglia. Bene ...
Ambiente
16/05/2017
Domenica 21 maggio appuntamento con la natura protetta nelle Oasi WWF. Quest'anno ...
Ambiente
26/04/2017
Premiate con la bandiera verde dai pediatri italiani. Sono ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...